Ce lo dicono in molti, ci sono libri e riviste che lo continuano ad affermare, ci sono interi siti e programmi televisivi che inneggiano alla im-perfezione dei genitori, eppure…

…eppure ancora adesso non riusciamo a darci pace! Ancora adesso, nonostante tutto, cerchiamo la perfezione. Perché? Perché è logico! Perché è giusto! Perché è naturale! Perché ognuno di noi, dal momento in cui scopre che avrà un figlio cercherà di dargli il meglio, di essere il meglio, di arrivare alla perfezione, per quanto possibile. E quando confrontiamo il nostro operato con quello che avremmo voluto o pensato di poter fare ed essere, molto spesso veniamo presi dallo sconforto e ci rifugiamo a cercare consolazione in questi siti dove ci viene ripetuto, quasi come un mantra, che il genitore perfetto non esiste e che non dobbiamo sentirci in colpa se abbiamo sbagliato, se non siamo come ci aspettavamo, se la genitorialità ci sta mettendo a dura prova. E ci rilassiamo, ci sentiamo capiti per un po’, e tutto questo ci dà la carica per affrontare nuove sfide, nuove richieste, nuovi giorni da genitori.

E va bene così! Mi chiedo, però, come mai sentiamo il bisogno che qualcuno ci dica che è normale sbagliare. Perché il parere di un estraneo ci è così tanto di conforto quando ci confida che anche lui non è un genitore perfetto e condivide con noi attraverso blog, vlog o una chiacchierata le figuracce, mancanze, sbagli che ha fatto negli ultimi tempi con i propri figli? E’ vero: il genitore perfetto non esiste, anche perché se esistesse, se ci fosse un genitore che non sbaglia mai, che dice sempre le cose giuste al momento giusto, anzi, che prevede i bisogni senza dare tempo al bambino di sentirne la necessità o di fare le proprie richieste…sarebbe un genitore terribile! Pensateci: i suoi figli non saprebbero cosa significa sbagliare, non avrebbero l’esempio di come recuperare ai propri sbagli, non saprebbero come esprimere i propri bisogni e tollerare la frustrazione dell’attesa, sarebbero costretti ad essere perfetti anche loro, rinunciando alla loro umanità. Sottolineo, terribile!

Invece, è proprio nel momento in cui si ripara all’errore che si può trasmettere ai propri bambini l’insegnamento più grande che un genitore possa dare: essere umani, accettare di poter sbagliare e trovare il modo per riparare. Avere la possibilità di sbagliare, di tentare e riprovare, senza temere di perdere la propria autostima, il proprio valore, l’amore dei propri cari. Questo è un tesoro da tramandare di generazione in generazione. Se questo tesoro non è stato tramandato anche a noi, allora sì che sentiamo la necessità di leggere o cercare qualcuno che ci dica che andiamo bene così come siamo: genitori umani e imperfetti, che combattono per imparare ad essere delle buone mamme e dei buoni papà e che certe volte perdono la battaglia, ma che ci riprovano e, con i propri tempi e le proprie risorse, cercano di non rifare gli stessi errori e cercano di imparare da quelli passati.

Nessuno vi ha detto che sbagliare è umano? Nessuno vi ha detto che essere genitori che sbagliano è una grande ricchezza per i vostri figli? Ditevelo da soli! Non abbiate paura di sbagliare. Ma siate abbastanza coraggiosi e forti per riprovare, per rivedere le posizioni e i pensieri che si sono rivelati sbagliati, cambiare se necessario le proprie idee, pur di fare la cosa che si rivelerà giusta o che darà i risultati che speravate per i vostri bambini, perché abbiano tutti gli strumenti per diventare adulti felici e autonomi nel loro futuro. Non abbiate bisogno di qualcuno che vi rassicuri su questo, ma interiorizzate il messaggio: il momento in cui riparate a uno sbaglio, è uno dei momenti più formativi per vostro/a figlio/a.

Forza genitori!

 

Credits: Foto font

 

Piaciuto?

puoi leggerne altri!

 

Genitori (im)perfetti

  Ce lo dicono in molti, ci sono libri e riviste che lo continuano ad affermare, ci sono interi siti e programmi televisivi che inneggiano alla im-perfezione dei genitori, eppure... ...eppure ancora adesso non riusciamo a darci pace! Ancora adesso, nonostante...

9 MESI + 1: i parenti

  "Prego signora, vuole il mio posto?" "Posso aiutarla?" "Sei bellissima, trasudi felicità!" "No no, cara, tranquilla, non muoverti, ci penso io ai piatti!" Quello della gravidanza è il periodo in cui una donna riceve più complimenti e attenzioni che in tutto il...

Lo psicologo… questo sconosciuto!

  La figura dello psicologo è ormai associata in modo indelebile nelle nostre teste all'idea dello 'strizzacervelli' e del 'medico dei pazzi',  nel migliore dei casi, e all'idea del 'medico-fuffa' perché tanto 'le cose che ti dice lui te le posso dire anche io, e...

Caro psicologo, quanto costi!

  Eh sì, lo psicologo costa davvero tanto! Pensare che solitamente si prevedono almeno una seduta alla settimana per un tempo che comprende, normalmente, qualche mese, non è difficile capire che il costo può rappresentare un sacrificio piuttosto importante per il...

Genitori (im)perfetti

  Ce lo dicono in molti, ci sono libri e riviste che lo continuano ad affermare, ci sono interi siti e programmi televisivi che inneggiano alla im-perfezione dei genitori, eppure... ...eppure ancora adesso non riusciamo a darci pace! Ancora adesso, nonostante...

9 MESI + 1: i parenti

  "Prego signora, vuole il mio posto?" "Posso aiutarla?" "Sei bellissima, trasudi felicità!" "No no, cara, tranquilla, non muoverti, ci penso io ai piatti!" Quello della gravidanza è il periodo in cui una donna riceve più complimenti e attenzioni che in tutto il...

Lo psicologo… questo sconosciuto!

  La figura dello psicologo è ormai associata in modo indelebile nelle nostre teste all'idea dello 'strizzacervelli' e del 'medico dei pazzi',  nel migliore dei casi, e all'idea del 'medico-fuffa' perché tanto 'le cose che ti dice lui te le posso dire anche io, e...

Caro psicologo, quanto costi!

  Eh sì, lo psicologo costa davvero tanto! Pensare che solitamente si prevedono almeno una seduta alla settimana per un tempo che comprende, normalmente, qualche mese, non è difficile capire che il costo può rappresentare un sacrificio piuttosto importante per il...
LA TEORIA